Alitalia: i lavoratori respingono il ricatto padronale

Share

Il 24 aprile si è chiuso il referendum imposto ai lavoratori Alitalia sulla vergognosa pre-intesa firmato il 14 aprile da sindacati, governo e azienda. Il risultato è stato netto, su 11.673 lavoratori aventi diritto hanno votato in 10.184, quasi il 90%. Di questi il 67% ha bocciato la pre-intesa.

La pre-intesa prevedeva:

–       1.300 esuberi (980 diretti da subito in cassa integrazione a zero ore, gli altri da ottenere con prepensionamenti ed altri incentivi all’esodo) dopo i quasi 5.000 licenziamenti del 2008 ed altri 2.500 nel 2014

–       ulteriore taglio nominale dell’8% degli stipendi (si arriva al 20% con tutte le voci correlate) dopo anni di contratti di solidarietà

–       taglio da 120 a 108 dei riposi

–       scatti d’anzianità triennali, di cui il primo nel 2020

Read more...

Referendum su voucher e appalti? Riprendiamoci tutto!

Share

Secondo recenti dati forniti dall’Inps sono stati 134 milioni i voucher venduti nel 2016 utilizzati da circa 1,5 milioni di lavoratori. Uno stru- mento a cui i padroni hanno attinto a piene mani grazie anche al suo ampliamento voluto da Renzi con il Jobs Act e che l’attuale governo, per evitare i referendum promossi dalla Cgil previsti per il prossimo 28 maggio, ha abolito attraverso un decreto legge. Lo stesso vale per il referendum sugli appalti, anche su questo referendum il governo ha accolto la richiesta della Cgil di ripristino della responsabilità solidale con un decreto.

È DAVVERO UNA GRANDE VITTORIA?

Read more...

Innse – Licenziati gli operai che salirono sul carroponte

Share

Milano, agosto 2009. Dopo 15 mesi di lotta e quattro operai arrampicati su un carro ponte per otto giorni, i lavoratori della Innse riportarono una vittoria importante. Erano riusciti ad evitare la chiusura dello stabilimento, un imprenditore aveva acquistato la fabbrica. Un pugno di operai evitò la chiusura contro tutti: le istituzioni e un padrone che voleva rottamare la fabbrica per lucrare sulla speculazione edilizia.

Read more...

Dopo lo sciopero del 14 marzo – TIM: No ai ricatti, proseguire la mobilitazione

Share

Martedì 14 marzo Milano e Roma sono state attraversate da due lunghi cortei dei lavoratori Tim in sciopero. Accorsi da tutta la penisola i cortei rumorosi e dominati dal rosso delle divise di lavoro e delle bandiere dell’Slc-Cgil e alcuni sindacati di base, hanno ancora una volta lanciato un chiaro messaggio ai manager aziendali. I lavoratori e le lavoratrici Tim non sono disposti a sottomettersi alla loro arroganza.

Read more...

Trasferimenti a Cassino, per i lavoratori Fca non c’è mai pace

Share

Non c’è pace per i lavoratori Fiat dello stabilimento G.B.Vico di Pomigliano d’Arco. Turni massacranti, contratti di solidarietà, sabati lavorativi ed ora una nuova tegola in testa. Fca in autunno ha annunciato l’esigenza di trasferire temporaneamente 550 lavoratori dello stabilimento di Pomigliano a quello di Cassino per esigenze produttive.

Read more...

More Articles...

  1. Brasile: in difesa delle libertà democratiche e sindacali e dei diritti dei lavoratori
  2. Strage di Viareggio – Intervista a Riccardo Antonini
  3. Referendum sul Ccnl metalmeccanici – Vince il Sì ma a perdere è solo la linea di Landini
  4. Contratto dei metalmeccanici: un accordo da bocciare!

Page 1 of 104

logoRF
Trasporti
scuola e universita rs